Il vero aspetto delle cose

solchi, cambiamento interiore, crescita spirituale, de montaigne, freud, coazioni a ripetere, guccini, non bisognerebbe ami ritornare, ripetere le stesse azioni, aforismi, change

Eppure come un cane che alza il muso e annusa l’ aria

batti sempre la tua pista solitaria

e faccia dopo faccia e ancora traccia dopo traccia

torni dove niente ti aprirà le braccia…

 

Non bisognerebbe mai ritornare, canta il buon vecchio Guccio. Freud le chiamava coazioni a ripetere, Bacone parlava di solchi, De Montaigne diceva che l’abitudine ci nasconde il vero aspetto delle cose.
Insomma : siamo immersi nel magma dell’abitudinarietà. Tendiamo a calcare sempre gli stessi passi, a percorrere le medesime vie, a compiere le stesse azioni. Questo dona un grande conforto e una sensazione di sicurezza. Ѐ come se poco a poco, giorno dopo giorno, fossimo impiegati fisicamente nella costruzione di uno steccato. Il nostro personalissimo steccato per il nostro splendido recinto, il quale protegge il piccolo mondo edificato con tanta fatica e nel quale siamo rintanati. Ma dovremmo iniziare a saper distinguere le abitudini sane da quelle malsane. Chi non si mette in discussione, mai, continua a calcare quella stessa strada che, inevitabilmente, conduce ad azioni già viste, a volti già conosciuti, ad errori già commessi. Quanto più cresciamo, tanto più ci radichiamo in noi stessi e il confronto con il prossimo potrebbe essere inutile. I solchi, anno dopo anno, diventano talmente profondi che anche se tentassimo di cambiar rotta, ricadremmo nello stesso sentiero, ormai già tracciato, ormai segnato.
Allora abbandonare la stanzialità non significa rincorrere un nomadismo animale, ma cercare di stornare – per qualche attimo- i pensieri reali e non contaminati su un territorio neutro, puro, scevro delle corruzioni che noi stessi, per paura e per difesa, abbiamo instillato. Abbandonare lo sguardo ottuso e osservare così la realtà da un’altra prospettiva, con gli occhi liberi di chi vuol vedere e non guardare.
Il cambiamento non per imposizione, ma per scelta. L’elasticità non come opposizione alla rigidità, ma per autentico desiderio di miglioramento.

Vedi anche questo post : “Libertà è scegliere”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...