Innamorarsi di una formica senza labbra

167px-Leon_Benouville_The_Wrath_of_Achilles , anchille, briseide,  miti classici, amore , troiani, mirmidoni, la storia di achielle e patrocloLa prima volta che ci siamo incontrati avevo sette anni…Ricevetti quel mio primo libro da una zia, “storie della storia del mondo” di L.Orvieto. Fu stupendo, avvincente, e mi iniziò alla mitologia greca, tanto da indurmi a influenzare i miei classici e stentati studi futuri!la vera folgorazione, però la ebbi quando iniziai a leggere di te, più o meno a metà libro….Cominciai a sentire un sentimento nuovo nel mio cuore di bimba, misto tra ammirazione e desiderio di incontrarti!ancora oggi, a 34 anni, provo sempre quella voglia di vederti, di intervistarti, di porre fine a tutti quei perché che nel corso di questo lungo tempo mi sono chiesta… “Udii entrambe le fazioni gridare il mio nome, e la sensazione che provai fu strana e sconsolante.Però il mio nome bastò. I troiani, appena videro la figura sul carro e sentirono il mio nome, si trasformarono da vincitori in vinti. Fuggirono.” (cit.C. Mc Cullough- Il canto di troia)
ACHILLE, il senza labbra, comandante del popolo delle formiche, i mitici Mirmidoni. Ho continuato a leggere di te, ad informarmi, a studiarti, a chiedermi come fossi fisicamente e intanto la mia immaginazione ti aveva dipinto, fiero e bellissimo, tanto che volli cercarti tra i ragazzi “reali”. Uno in particolare rispecchiava la tua audacia, la tua bellezza, e di lui io- la donna-bimba- finii per innamorarmi.
Dopo gli amori da diciottenne, capii finalmente che i tuoi capelli biondi, la tua audacia, la tua pietas, hanno fatto di te l’uomo ideale, il mio personale canone, sia estetico che caratteriale… Sarei pronta a sorvolare sul tuo amore per Patroclo, ma quelli si sa, erano altri tempi, e dopotutto due uomini uniti nella guerra notte e giorno, cosa potevano fare? Patroclo ti ha amato di un amore purissimo, devoto come uno schiavo, leale come un fratello, fuoco nel cuore e nel corpo come un amante. Dimmi c’è qualcuno che ti ha amato più di lui? Deidamia, non credo. Ifigenia, forse, ma non è vissuta abbastanza per renderti quell’amore di cui avevi bisogno.
Il destino ti ha messo di fronte ad una scelta:una vita ignominiosa e lunga, oppure una vita breve ma gloriosa. Ebbene, caro Achille, mai scelta fu più azzeccata:a distanza di secoli (o Eoni, come preferisci) il tuo nome viene ricordato, studiato, odiato, scritto in tutte le lingue, amato… Ed è questa la magia della tua ventura: attraverso il tuo sacrificio Troia cadde, tuo fu per sempre il destino di gloria, tuo fu per sempre il mio cuore.

Come una moderna Briseide mi accingo a cercarti nelle pagine di un libro che racconti di te, nell’immagine di un film epico discutibile, in qualche foto di statua su interne ma, forse, caro Achille, davvero in un’altra vita io ero la tua Briseide e tu mi amavi incondizionatamente, forse è questo ilmotivo per cui, ancora oggi, il mio cuore si strugge d’amore per te. Perchè a Troia non abbiamo finito i nostri giorni insieme, del nostro innamoramento ci è stato donato solo un assaggio. O forse, più semplicemente, sono innamorata dell’amore e gli ho dato il tuo nome e il tuo  volto.

 

Di Tiziana Micaglio

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...