Solo DIECI cose da fare prima di schiattare

“Hai da fare sabato sera?”
“Occupata. Devo suicidarmi.”

E fingiamo per un attimo che sia vero, così come dice la ragazza angolo del buonumore al povero Woody Allen nei panni di Sam, dinanzi alla testimonianza di un’opera di Pollock. Ecco, supponiamo che sia vero. Sabato sera sono impegnata a suicidarmi.
Restano pochi giorni. Che fare? Morire in grande stile? Organizzare, anche per quell’occasione, tutto nei minimi dettagli? Essere efficienti e pedissequi fino all’ultimo momento? Fino all’attimo in cui si decide di staccare la spina? Bhà, spina poi, magari fosse così semplice. Se sei impegnato, di sabato sera, a suicidarti, di certo non sarà staccando una spina che spirerai il tuo ultimo respiro. Al massimo dovresti riformulare la tua affermazione asserendo “ siamo impegnati a suicidarci”, sì perché per andartene piacevolmente e senza troppe e atroci sofferenze converrebbe inalare del gas, così che se decidessi di “aprire” i fornelli in cucina probabilmente salterebbe all’aria la casa e procureresti disastri di portata di gran lunga maggiore rispetto al tuo singolo, piacevole e innocuo suicidio. Poi ci sono i farmaci ma se sbagli e resti in vita poi diventi solo una gran seccatura per chi ti sta intorno. Ma basta divagare. Eravamo lì, verosimilmente verso l’inizio della settimana a progettare di schiattare di sabato sera. Pochi giorni, dunque, da vivere. E forse gli unici.
Dieci cose da fare prima di schiattare. Banale? Vediamo …
1)Entrare in un ascensore gremito di un grattacielo di uffici diretto al ventunesimo piano e lasciare intendere agli altri, vestiti di tutto punto, le pietanze della cena della sera prima
2)Questa è seria: dire al tizio che ti è sempre piaciuto ma che non ti ha mai cagata che è soltanto un fricchettone che si beve ancora la spremutina di mamma e chi te se incula?
3)Entrare in un cinema a luci rosse allo spettacolo delle 15:30 per vedere se c’è davvero ancora qualcuno che non conosce l’avvento di youporn.
4)Imparare le divisioni con la virgola.(Che all’inferno non si sa mai, magari possono tornare utili)
5)Un funghetto trallallà.
6)Avere una breve relazione con un giapponese bello.
7)Trascorrere una notte in Tiburtina assieme alla pazza del tavernello bianco e regalarle una bottiglia di Verdicchio dei Castelli di Jesi.
8)Questa non si può dire.
9)Entrare in chiesa e rispondere alla frase “con cristo in cristo per cristo” con un bel “ippip urrà!”
10)Amare qualcuno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...